MEDIO ORIENTE: SITUAZIONE SEMPRE PIÚ DRAMMATICA

L’impegno della rete Caritas Un nuovo urgente appello di Caritas Italiana per la Terra Santa e la Siria

In Terra Santa aumenta il numero delle vittime, mentre si cerca di raggiungere un cessate il fuoco tra israeliani e palestinesi.

Dopo gli appelli di Claudette Habesch, direttrice di Caritas Gerusalemme che la scorsa settimana ha incontrato il direttore di Caritas Italiana, don Francesco Soddu, la situazione si è ulteriormente aggravata. La clinica mobile a Gaza ha dovuto interrompere il servizio e anche il centro sanitario non riesce ad operare a pieno ritmo, per i rischi che corrono operatori e pazienti e per la carenza di medicinali. Nonostante tutto Caritas Gerusalemme si sta organizzando e, oltre ad acqua e cibo, conta di fornire kit medici a 180 persone che hanno ricevuto formazione specifica e possono fornire le prime cure ai feriti nelle diverse comunità locali. Per poter proseguire c’è però bisogno di un sostegno urgente da parte dell’intera rete Caritas.

Ma nel già fragile e martoriato Medio Oriente, anche la situazione della Siria diventa sempre più drammatica. Un conflitto che causa morti e – come sottolineato da Benedetto XVI - “l\'immane sofferenza della popolazione, in particolare di quanti hanno dovuto lasciare le loro case\". Purtroppo il tentativo di inviare una delegazione di Padri Sinodali per sostenere la via della pace non si è potuto realizzare, ma il Papa ha comunque mandato in Libano una delegazione di Cor Unum, guidata dal Cardinale Sarah, per sollecitare ogni sforzo per la pace, portare un contributo della Santa Sede e rafforzare il coordinamento degli aiuti. Sono ormai più di 400.000 i rifugiati nei Paesi limitrofi e continuano ad aumentare a ritmi esponenziali, gli sfollati arrivano a 1,2 milioni e si stima che 2 milioni e mezzo di siriani (il 15% della popolazione) abbiano bisogno di aiuti.

Tutte le Caritas locali moltiplicano gli sforzi, ma non possono sostenere da sole il peso di questa emergenza. Caritas Italiana ha già inviato un contributo ma rilancia l’appello per poter far fronte alle nuove, pressanti richieste. La giovane Caritas Siria è riuscita ad organizzare una prima rete di soccorsi di urgenza,grazie alla rete delle parrocchie, delle congregazioni e dei centri di accoglienza.

“Sofferenza e paura attraversano tutto il paese” ha detto Mons. Audo, vescovo di Aleppo e Presidente di Caritas Siria che ha lanciato un appello di circa 600.000 euro per poter assistere per i prossimi 5 mesi 1600 famiglie, circa 10.000 persone a Damasco, Aleppo, Homs, Hassakeh, Litorale. Caritas Giordanianei campi di Mafraq, Zarka, Irbid, dopo i pacchi viveri ha distribuito buoni acquisto alle 650 famiglie assistite. Negli stessi campi sono state aperte le prime scuole, dove sono seguiti 219 bambini e 50 giovani. Grazie poi a una serie di centri sanitari finora sono state curate oltre 8.000 persone. A Caritas Italiana è stato rivolto un appello, con la richiesta di 160.000 euro per aiuti a 4.000 persone. Caritas Libano, tra i rifugiati distribuiti nel nord del paese, nella valle della Bekaa e a Beirut stessa raggiunge una media di 300/400 famiglie al mese, ma si comincia a temere l’arrivo del freddo.

Da fine ottobre si offrono anche cure a 15.000 rifugiati, con l’aiuto di due cliniche mobili e di un centro sanitario nel nord del Paese. Caritas Libano ha già lanciato due appelli di emergenza per poter continuare a dare aiuti ai

rifugiati. In Turchia l’assistenza nei campi è garantita interamente dal governo.

Caritas Turchia ha comunque dato la sua disponibilità alle autorità per richieste specifiche, mentre si è organizzata per aiutare i rifugiati non residenti nei campi. In particolare sta avviando un piano di intervento per fornire attrezzature per affrontare l’inverno, buoni pasto, cura dei bambini, assistenza sanitaria per casi vulnerabili e per i rifugiati di nazionalità non siriana.

Per sostenere gli interventi in corso nelle due emergenze, si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Terra Santa” oppure “Emergenza Siria 2012” Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
  • - UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
  • - Banca Prossima, via Aurelia 796, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
  • - Intesa Sanpaolo, via Aurelia 396/A, Roma – Iban: IT 95 M 03069 05098 100000005384
  • - Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113
con2b.it